Lohengrin

Acquista biglietti
Gennaio 1970
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Lohengrin è un pezzo sulla fede - una fede che può muovere le montagne o addirittura evocare salvatori carismatici. Ecco perché è così affascinante mettere in scena questo pezzo in un luogo fortemente influenzato dalla fede e che non esisterebbe senza la fede cristiana e il desiderio di esprimerlo in modo vivido. Elsa è una credente visionaria e incondizionata. Un'intera società è contagiata dalla sua convinzione, le persone si uniscono attraverso l'esperienza comune del miracolo dell'apparizione di Lohengrin. Ma chi è questo Lohengrin? Ci si può fidare di lui? Le persone razionali consumate dalle ambizioni di potere come Ortrud e Telramund gli si oppongono e creano incertezza. Quanta forza può essere richiesta ad Elsa per sopprimere i suoi dubbi e per non chiedere mai a Lohengrin da dove viene? Il nostro luogo è influenzato dalla religione e nell'arte di Richard Wagner c'è anche il pericolo di una religione sostitutiva. L'impatto mistico e l'ammaliante mondo sonoro ci inghiottono completamente nell'opera di Wagner affinché diventiamo credenti, anche se anche qui dubitare e mettere in discussione la motivazione artistica è perfettamente appropriato. Un mondo arcaico e irrazionale incontra il nostro pensiero moderno e il nostro desiderio di essere sopraffatti e redenti - la nostra produzione si muove tra questi due poli.

Programma e cast

Orchestra del Festival del Tirolo Erl


Direttore d'orchestra: Tito Angelo

Direzione del palcoscenico: Katharina Thoma

Scenografia: Johannes Leiacker

Costume Design: Irina Bartels

Light Design: Olaf inverno


Lohengrin: AJ Glueckert

Elsa: Jennifer Davis

Telramund: Andrew Foster Williams

Ortrud: Dshamilja imperatore

Re Enrico: Anthony Robin Schneider

Chiamante dell'esercito: Daniel Schmutzhard

Festspielhaus Erl

Festspielhaus

 

Il nuovo teatro del festival dispone di 862 posti – 732 in tribuna fissa e 130 posti mobili nella zona del golfo mistico (con i suoi 160 m² il più grande del mondo) - per una superficie calpestabile totale di 7.000 m². Il Festspielhaus è stato progettato dalla studio Delugan Meissl Associated Architects di Vienna e costruito dall’impresa generale di costruzioni STRABAG (responsabile del progetto: Ing. Georg Höger).

 

Le forme architettoniche del teatro rispettano in tutto e per tutto quelle del Passionsspielhaus e l’estetica paesistica e naturale dei dintorni: d’estate, quando il bianco edificio del Passionsspielhaus è teatro delle rappresentazioni sacre della Passione o sede del Festival del Tirolo Erl, la scura facciata del nuovo edificio andrà ad armonizzarsi perfettamente con lo sfondo delle brune foreste tirolesi, in modo da mettere ancor più in evidenza il Passionsspielhaus. D’inverno succede il contrario: mentre i contorni del Passionsspielhaus sfumano sullo sfondo bianco circostante, i colori scuri del nuovo Festspielhaus spiccheranno sul paesaggio innevato del Tirolo.

 

Il Festspielhaus dispone anche di quelle infrastrutture a lungo assenti nel Passionsspielhaus: grazie ad un foyer, ai guardaroba, ad una scenotecnica moderna, a numerose sale di prova ed estesi locali per ufficio il Festspielhaus garantirà al Festival del Tirolo Erl la cornice ideale per un futuro coronato dal successo.

 

Passionsspielhaus

 

Il Passionsspielhaus di Erl fu costruito tra il 1957 ed il 1959 su progetto dell'architetto Robert Schnuller ed è considerato a tutt'oggi un capolavoro dell'acustica e dell'architettura.
Lastruttura si inserisce armoniosamente nell'estetica paesistica e naturale dei dintorni allungando con la sua forma a chiocciola i rilievi circostanti ed integrandoli perfettamente nella pianura. La sua forma straordinaria ed avveniristica ha trasformato l'edificio nel simbolo di Erl. Il Passionsspielhaus è il più grande teatro a platea centrale d'Austria e può ospitare fino a 1500 spettatori. Il palcoscenico a gradini di 25 metri di larghezza rappresenta la cornice ideale per i 500 artisti ed i musicisti dell'Orchestra del Festival del Tirolo Erl che vi si esibisce durante le rappresentazioni liriche, non disponendo il Passionsspielhaus di golfo mistico.

 

Dal 1997 gli spettatori possono ricrearsi nel nuovo angolo buffet. Nel 2003 fu aperta al pubblico la sala artistica - una sala eventi che può ospitare fino a 150 persone. Tra l'ottobre 2006 e l'aprile 2007 sono stati risanati gli impianti idrosanitarî, è stato costruito un golfo mistico provvisto di piattaforma mobile idraulica ed una sottostruttura per il palcoscenico, l'auditorium è stato completamente ripavimentato e dotato di un sistema audio individuale "in cuffia" in lingua inglese, è stata migliorata l'acustica, rimodernati l'impianto di illuminazione a soffitto, la sistemazione esterna, il locale interrato, il chiosco, l'impianto elettrico e di ventilazione nonché risanati i guardaroba ed il vano scale.

 

COME ARRIVARE AD ERL

 

IN MACCHINA

Da nord (Germania, Paesi Bassi)
Autostrada A8 Monaco-Salisburgo, imboccare l'autostrada A93 direzione Kufstein, uscite autostradali Nussdorf/Brannenburg od Oberaudorf/Niederndorf

Da est (Salisburgo, Ausria orientale)
Autostrada A1 direzione Salisburgo, procedere sull'autostrada A8 direzione Monaco di Baviera, imboccare quindi l'autostrada A93 direzione Kufstein, uscite autostradali Nussdorf/Brannenburg od Oberaudorf/Niederdorf

Da sud (Italia)
A22 direzione Brennero, A13 direzione Innsbruck, A12 direzione Kufstein, uscite autostradali Kufstein Nord od Oberaudorf/Niederndorf

Da ovest (Austria occidentale, Svizzera)
A12 direzione Kufstein, uscite autostradali Kufstein Nord od Oberaudorf/Niederndorf

Informazioni sull’obbligo di utilizzo del bollino autostradale in Austria.

Distanze

Monaco di Baviera – Erl 95 km
Salzburg – Erl 95 km
Innsbruck – Erl 85 km

 

IN TRENO

A Kufstein si fermano tutti i treni regionali e a lunga percorrenza. È possibile usufruire del servizio navetta con un preavviso telefonico di almeno 3 giorni: Tourismusverband Ferienland Kufstein

 

VOLI

Aereoporti

Innsbruck (90 km)
Salisburgo (90 km)
Monaco di Baviera (110 km)

Eventi correlati