Maria Stuart

Acquista biglietti
Agosto 2020
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Inghilterra nella seconda metà del XVI secolo. Una lotta incessante per l'influenza e il potere imperversa sull'isola - come in tutta Europa - tra i sostenitori della fiorente Riforma protestante e i cattolici fedeli al Papa. Nella notte tra il 23 e il 24 agosto 1572 il conflitto raggiunge un picco di sangue preliminare in Francia, dove migliaia di protestanti perdono la vita durante la notte nel massacro di San Bartolomeo.


Bisogna considerare il più famoso di tutti i feudi tra due regine - Elisabetta I d'Inghilterra e Maria, regina di Scozia - sullo sfondo di questo crescente numero di morti in tutta Europa. Dietro queste differenze personali di carattere e di disposizione, infatti, si nascondono, come spettri enormi e minacciosi che proiettano le loro ombre sul destino delle regine britanniche, le gigantesche forze contrapposte dell'epoca" (Stefan Zweig): una nella forma della regina d'Inghilterra protestante e non sposata, sotto il cui dominio spassionato e riformista l'isola gode di un periodo di prosperità; l'altra con il carattere estroverso di Maria, regina di Scozia, ardente cattolica, aderente all'antico ordine medievale e famosa per il suo coinvolgimento romantico con gli uomini.


Nel 1800 Friedrich Schiller realizzò il suo magistrale monumento letterario a questo conflitto. Maria Stuart ha fatto una legittima pretesa al trono attualmente occupato da Elisabetta. Sospettato di complicità nella morte di Lord Darnley, suo secondo marito, fugge dalla Scozia in Inghilterra. Ma invece di offrire protezione a Maria, la regina Elisabetta tiene prigioniera per anni. Numerosi tentativi di salvarla vengono fatti dai cattolici, ma nessuno ci riesce. I cortigiani che consigliano Elisabetta sono divisi: a Maria dovrebbe essere permesso di vivere? O il monarca incoronato dovrebbe essere condannato a morte e giustiziato? Che cosa deciderà infine di fare Elisabetta?


Mary Stuart è un thriller politico, un'opera che prende la licenza storica e una riflessione appassionata sulle questioni che hanno turbato Schiller in tutta la sua vita: cos'è la libertà individuale? Che cos'è il potere politico e dove finisce? Che cos'è la giustizia? Come sono fatte e giustificate le leggi? E in quale stato vogliamo vivere?


La stagione del centenario del Festival di Salisburgo sarà caratterizzata dalla prima produzione di quest'opera del tardo periodo di Schiller nella storia del Festival di Salisburgo. Sarà messo in scena da Martin Kušej, direttore artistico del Burgtheater di Vienna, con le impareggiabili attrici Bibiana Beglau nei panni di Elizabeth e Birgit Minichmayr nei panni di Mary Stuart.

Programma e cast

Team Creativo


Martin Kušej - Direttore
Annette Murschetz - Set
Heide Kastler - Costumi
Bert Wrede - Musica
Friedrich Rom - Illuminazione
Alexander Kerlin - Drammaturgia


Getto


Bibiana Beglau - Elisabeth, regina d'Inghilterra
Birgit Minichmayr - Maria Stuart, regina di Scozia
Itay Tiran - Robert Dudley, Conte di Leicester
Oliver Nägele - Georg Talbot, conte di Shrewsbury
Norman Hacker - Wilhelm Cecil, Lord Burleigh
Franz Pätzold - Mortimer
e altri


Coproduzione con il Burgtheater Wien

Perner-Insel, Hallein

Perner-Insel, Hallein


Il "White Gold" (sale) è stato estratto per quattromila anni nei pressi di Hallein e questo è ciò che ha dato il nome alla regione e al capoluogo di provincia. Nel 1989 le saline sono state chiuse. Diversi personaggi influenti della vita culturale hanno preso l'iniziativa di trasformare la sala delle saline sull'isola in mezzo al fiume Salzach in un teatro che oggi viene utilizzato regolarmente dal Festival di Salisburgo. I lavori di ristrutturazione del 1992 hanno richiesto solo 80 giorni di costruzione; sei anni dopo sono state installate nuove e più elaborate sistemazioni dei posti a sedere e un'area di intervallo.


La sala è particolarmente adatta al teatro sperimentale e ai concerti di musica contemporanea, dove le aree performative e di pubblico possono essere adattate al concetto scenico della produzione in questione. Nel 1999 la maratona Schlachten!, l'interpretazione di Luc Perceval della storia di Shakespeare, nell'isola di Perner ha raggiunto lo status di culto.

 

Come arrivare


Indirizzo & contatto


Perner-Insel, Hallein
Pernerinsel, 5400 Hallein


I foyer sono aperti ai visitatori del Festival un'ora prima dell'inizio di ogni spettacolo.


Tel..: +43 662 8045 0
info@salzburgerfestspiele.at


Trasporto pubblico


Fermata dell'autobus Heidebrücke
Linee 41, 160, 170, 160, 170


SERVIZIO NAVETTA GRATUITO
Partenza davanti a Reichenhaller Strasse 4
(Gli autobus partono per Perner-Insel, Hallein, 1 ora prima dell'inizio dello spettacolo e ritornano subito dopo lo spettacolo).


Parcheggio


Parcheggio Perner-Insel
Perner-Insel, 5400 Hallein


Orario di apertura: tutti i giorni 0-24 h


È possibile acquistare un biglietto per il parcheggio per 2€ nel cortile. Acquistando il biglietto per il parcheggio, si risparmia la strada verso la biglietteria automatica e si può immediatamente uscire dal parcheggio dopo la fine dello spettacolo.

Eventi correlati