Wozzeck

Acquista biglietti
Gennaio 1970
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Trama

 

Primo atto

Scena I. Stanza del Capitano. Di buon mattino.
Il Capitano, come di consueto, si fa radere dall'attendente Wozzeck, e intanto conversa con lui. Parla del corso del tempo, della brevità della vita e dell'eternità. Wozzeck, che ha fretta, si limita a rispondere "Signorsì, signor capitano". Il Capitano si diverte per la bonarietà di Wozzeck, ma contemporaneamente, invidioso della sua relazione con Marie, lo rimprovera di non avere morale, perché ha un bambino da lei senza esserne sposato. A questi rimproveri Wozzeck si lascia andare a esporre le sue ragioni, dicendo che la gente povera come lui non ha tempo per la moralità, visto che non ha di che vivere. Il Capitano, sconcertato dalle parole del soldato, trova una spiegazione: Wozzeck pensa troppo, e poi lo manda via.
Scena II. Aperta campagna, sullo sfondo la città. Tardo pomeriggio.
Wozzeck e il suo commilitone Andres raccolgono in un bosco legna per il Capitano. Andres canta una canzone di caccia. Wozzeck è in preda ad allucinazioni e scorge ovunque immagini di incubo e di terrore.
Scena III. La stanza di Maria. Sera
Maria è alla finestra con il bambino avuto da Wozzeck e osserva passare al suono di una marcia i soldati e ne ammira soprattutto il prestante Tamburmaggiore. Ne nasce un battibecco con la vicina Margret, che le rimprovera la sua condotta. Chiusa la finestra, Maria canta una ninnananna al suo bambino che si addormenta. Wozzeck bussa alla finestra. Non ha tempo di entrare in casa perché deve rientrare in caserma. Non riesce a liberarsi delle allucinazioni e visioni avute nel bosco, si sente inseguito e pronuncia frasi sconnesse. Marie non riesce a calmarlo, e Wozzeck si allontana senza nemmeno aver dato uno sguardo al suo bambino. Marie siede esasperata e disperata.
Scena IV. Studio del Dottore. Pomeriggio pieno di sole.
Si ha qui una prima chiave del contegno strano di Wozzeck: il Dottore, attraverso le sue stravaganti teorie sulla nutrizione, vuole provocare una rivoluzione nella scienza e, per tregroschen al giorno, Wozzeck si sottopone ai suoi esperimenti. Il Dottore rimprovera Wozzeck per aver urinato per strada. Wozzeck cerca di scusarsi "Ma, signor Dottore, quando interviene la natura!" mentre il Dottore insiste sulla sua teoria: "Non ho dimostrato forse che la vescica è sottoposta alla volontà?" Wozzeck è ancora sotto l'incubo del bosco e risponde al Dottore in modo da convincerlo della sua latente follia. Invece di aiutarlo, il Dottore si compiace per le possibilità che gli può offrire la presunta nevrosi di Wozzeck.
Scena V. Strada davanti alla porta di Maria. Al crepuscolo.
Marie ammira la prestanza fisica del Tamburmaggiore, che si pavoneggia davanti alla sua casa. Marie respinge dapprima le sue avances, quando però queste diventano più violente, cede ad esse quasi fatalisticamente.

 

Secondo atto

Scena I. La stanza di Maria. È mattina, c'è il sole.
Maria seduta con il bambino in grembo si guarda in uno specchio rotto che tiene in mano e ammira gli orecchini che le ha regalato il Tamburmaggiore. Si accorge tardi di Wozzeck, che è arrivato all'improvviso, e non riesce a nascondere gli orecchini. Wozzeck si insospettisce. Poi si calma, le consegna la paga e si allontana. Maria è in preda al rimorso.
Scena II. Strada in città. Giorno.
Il Capitano trattiene il Dottore, sebbene questi abbia evidentemente fretta. I due si scambiano qualche garbato insulto, ma poi il Dottore si fa prendere la mano dal suo sadismo e prognostica al Capitano, solo in base alla sua "brutta cera" un prossimo e probabile accesso di apoplessia. Sopraggiunge Wozzeck il quale viene provocato pesantemente dai due presenti con allusioni alla sua vita privata, aumentando nel soldato il sospetto del tradimento di Marie.
Scena III. Strada davanti alla porta di Maria. Giornata grigia.
Wozzeck ritorna verso la casa di Marie, e ha con lei un furioso litigio. La donna nega le accuse di Wozzeck e quando questo alza le mani su di lei, Marie gli urla con disprezzo: "Non toccarmi! Meglio un coltello in corpo che le tue mani su di me!". Da questo momento in poi l'idea del coltello non lascerà più Wozzeck.
Scena IV. Giardino di una locanda. Tarda sera.
Il soldato vede Marie e il Tamburmaggiore ballare insieme in mezzo alla folla ubriaca di soldati, operai e serve. Dopo che Andres si è allontanato annoiato da lui, Wozzeck freme in silenzio in un angolo. Un pazzo gli si avvicina dicendogli: "Sento odore di sangue!" a cui segue il grido allucinato di Wozzeck: "Sangue, sangue!"
Scena V. Corpo di guardia in caserma. Notte.
Dopo aver confidato ad Andres il torturante ricordo della danza di Marie con l'amante, Wozzeck viene provocato dall'ubriaco Tamburmaggiore. Il soldato non reagisce, ma viene lo stesso sbattuto a terra e picchiato a sangue.

 

Terzo atto

Scena I. La stanza di Maria. È notte. Lume di candela.
Wozzeck non è stato da Marie già da due giorni. La donna è sola con il bambino e legge la storia dell'adultera nel Vangelo. Prima respinge il bambino, che sembra disturbarla, poi lo richiama a sé e gli narra quello che ha letto come una fiaba.
Scena II. Sentiero nel bosco presso lo stagno. Annotta.
Wozzeck e Maria camminano. Maria vuole affrettarsi a tornare in città ma Wozzeck la costringe a fermarsi in riva allo stagno. L'uomo estrae un coltello e affonda la lama nel collo della donna.
Scena III. Una bettola. Notte. Luce debole.
Giovani e prostitute ballano una polka sfrenata. Wozzeck, ubriaco fradicio, fa la corte a Margret, la quale però si accorge del sangue sulle mani dell'uomo. I presenti si affollano minacciosi intorno a Wozzeck che fugge precipitosamente dall'osteria nella notte.
Scena IV. Sentiero nel bosco presso lo stagno. Notte di luna come prima
Wozzeck torna sul luogo del delitto a cercare il coltello che ha dimenticato. Inciampa nel cadavere di Marie ma riesce a trovare il coltello e lo getta nello stagno. Temendo di non averlo gettato abbastanza lontano decide di entrare in acqua per cercarlo nuovamente. Mentre si lava le mani dal sangue, gli sembra che tutta l'acqua, che riflette una luna rossa, si tinga di color di sangue. Sconvolto e senza speranza si lascia andare, annegando nello stagno.
Scena V. Strada davanti alla porta di Maria. È mattino chiaro. Splende il sole. Il bambino sta giocando con i compagni. Alcuni ragazzi passando gli gridano: "Ehi, tu! Tua madre è morta". Il bambino non capisce e continua a cavalcare il cavallo di legno.

Programma e cast

Direttore d'orchestra - Sir Simon Rattle
Direttore di scena - Simon McBurney
Drammaturgo - Gerard McBurney
Scenografo - Miriam Buether
Costumista - Moritz Junge
Progettista dell'illuminazione - Paul Anderson
Video - William Duke
Coreografo, Direttore di scena associato - Leah Hausman*


Wozzeck - Christian Gerhaher
Marie - Anja Kampe
Tambourmajor - Daniel Brenna
Hauptmann - Peter Hoare
Doktor - Brindley Sherratt
Andres - Evan LeRoy Johnson
Margret - Ponti J'Nai
1. Handwerkbursch - Alexander Kiechle
2. Handwerkbursch - Tomasz Kumięga*
Der Narr - Graham Clark
Coro - Coro della Filarmonica Estone da camera
Coro di bambini - Maîtrise des Bouches-du-Rhône
Orchestra - Orchestra Sinfonica di Londra


* ex artisti dell'Académie

Grande Teatro di Provenza

Progettato da Vittorio Gregotti, questo teatro è stato inaugurato nel luglio 2007 dal Festival d'Aix-en-Provence con la rappresentazione di Die Walküre di Richard Wagner. Il suo volume interamente curvo racchiude una capienza di 1.350 posti a sedere, di cui circa 950 in platea. Il teatro si trova nella zona tra la città nuova e il centro storico di Aix.

Eventi correlati